Trani – Libreria Luna di Sabbia – 29 maggio – dalle ore 19.00

Il prossimo venerdì 29 maggio (ore 19)  a Trani presso la libreria “Luna di Sabbia” presenterò il mio libro   “Capitale relazionale e creatività in azienda.”(Guerini Next). L’incontro è stato promosso dall’ente di formazione tranese “Efesto” in collaborazione con l’ AIF, (Associazione Italiana Formatori), interverrà Sergio D’Angelo, presidente AIF Puglia e direttore di “Efesto”.

Laura Conte

Il tema relativo alle dinamiche relazionali che si sviluppano tra le persone mi affascina da sempre. Sono convita che la creatività e l’innovazione nella vita passa dalla possibilità di costruire con i colleghi, capi e collaboratori relazioni creative e con “frequenti ricambi d’aria”. Ma non sempre questo è possibile. Il bisogno di conferma e di protezione che, inconsapevolmente, riponiamo nella relazione con alcune persone spinge alcuni di noi ad essere invadenti, prevaricatori dello spazio relazionale, mentre porta altri di noi a lasciarsi invadere.

Ci sono tre modalità comunicative che segnalano la presenza di una dinamica relazionale negativa in corso. Nel libro sono ampiamente descritte tutte e tre.

“La relazione è un legame professionale che si instaura tra le persone che condividono qualcosa, un obiettivo, un fare: è uno spazio psicologico. La relazione è vissuta come spazio psicologico sicuro quando la percezione di essere annientati come individui pensanti attraverso svalutazioni e giudizi negativi è minima e invece prevale il senso di utilità e soddisfazione per entrambi i protagonisti. All’interno di una relazione positiva anche il cambiamento spaventa meno, perché è stato già immaginato dalle persone prima ancora che esso diventi realtà. I protagonisti di queste dinamiche relazionali valorizzano, con grande sforzo e lavoro, le differenze di pensiero, di competenze e di abilità mettendole al servizio degli obiettivi comuni. Ognuno tollera e ama la propria rappresentazione di sé per cui la diversità dell’altro è una risorsa non una minaccia”

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *